Vai al contenuto
Home » Le Frappe

Le Frappe

Frappe!

Ok, lo ammetto, cucinare non è una delle cose che mi riesce meglio, ma quando si tratta di creare mi ci butto lo stesso. Se poi lo aggiungete al fatto che amo mangiare, che adoro le tradizioni e che sono mamma e tata (soprattutto la prima, l’ultima è una scusa), il gioco è fatto.

Come rinunciare allora, specialmente in questo periodo, a una delle tradizioni più antiche per il Carnevale?

Sapevate, ad esempio, che secondo gli storici risalgono addirittura all’epoca romana?

Si chiamavano “frictilia”, si friggevano nel grasso di maiale e  venivano preparati per festeggiare i Saturnali, che ricorrevano proprio in questo periodo.

Come al solito, anche questa è un’altra delle tradizioni pagane assorbite da cristianesimo per sopperire all’eccessivo cambiamento che avrebbe portato, e chissà se mai davvero accettato, la nuova religione.

Fatta questa breve parentesi torniamo a noi. Con la scusa di essere una Tata che ama davvero tanto i suoi piccini, me li vizio cucinando con loro tante leccornie.

Quella che vedrete fra poco è una ricetta rivisitata e semplificata del dolcetto tradizionale, per adattarlo ai loro gusti. Nonostante ciò vi assicuro che ci sarà da leccarsi i baffi.

INGREDIENTI:

  • 2 Uova
  • 1 Cucchiaio abbondante di zucchero
  • 200 gr di farina
  • ½ bustina di lievito per dolci in polvere
  • 40 gr di burro
  • Aromi o buccia di limone grattugiato per chi li vuole, ma i miei bimbi non li amano.

PROCEDIMENTO:

In una ciotola mischiate il lievito in polvere con la farina. In una terrina mescolate le uova con lo zucchero, poi aggiungete lentamente il burro fuso e gli altri ingredienti.

Quando avrete ottenuto un impasto morbido, lavorate le frappe dandogli le forme che più vi piacciono. Noi questa volta abbiamo usato gli stampini dei biscotti e devo dire che ci sono davvero piaciute. Che ne dite?

Per ultimo le abbiamo fritte in olio bollente.

P.S. abbiamo provato a usare lo stesso impasto per cuocerle al forno, ma non ci sono piaciute. Quindi se è quella la vostra intenzione vi conviene trovare un’altra ricetta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItalian